Radio Cora - Il “Paradosso del Texas:” via le restrizioni, ma l’epidemia continua a calare

articoli

  • Il “Paradosso del Texas:” via le restrizioni, ma l’epidemia continua a calare

    20 Giorni fa, il governatore Greg Abbott ha abolito tutte le misure di contenimento obbligatorie: mascherine, lockdown, distanziamento, ecc. Molti non l’hanno presa bene e Abbott ha collezionato una bella serie di insulti sui media: Incosciente, sconsiderato, assassino, e cosette del genere. Persino il presidente Biden si è scomodato a dire che Abbott “pensa come un Neandertal.”

    Invece, 20 giorni dopo, i dati danno pienamente ragione alla decisione del governatore. i Texani non stanno morendo tutti. Per niente! Anzi, è il contrario: contagi e decessi sono sempre meno. La curva del declino dell’epidemia ha continuato imperterrita la sua discesa nonostante l’abolizione delle restrizioni. Sembra proprio che i Neandertal non fossero così scemi come pensa Biden!
    Non che il governatore Abbott abbia proibito l’uso della mascherina. Se uno se la vuole mettere, lo può fare, come pure se ne può stare chiuso in casa, se vuole. Ma il Texas è tradizionalmente uno stato repubblicano con tutte le tendenze libertarie del caso. Ormai, negli Stati Uniti, mettersi o non mettersi la mascherina è una scelta politica: la mettono i democratici, non la mettono i repubblicani. E negli stati “Rossi” (repubblicani) la mascherina era mal sopportata. Certamente, in Texas non tutti hanno buttato la mascherina nel secchio della spazzatura, ma sembra che dopo l’abolizione dell’obbligo solo una minoranza se la metta.
    Può darsi che il vaccino abbia giocato un ruolo importante? In effetti, il Texas è abbastanza avanti con le vaccinazioni. Su circa 30 milioni di abitanti, circa 10 milioni hanno ricevuto almeno la prima dose. Ma, in realtà, la curva dei contagi aveva cominciato a calare già i primi di Gennaio, molto prima che le vaccinazioni cominciassero.

    Può darsi che la densità di popolazione abbia giocato un ruolo? In effetti, il Texas è uno stato di vasti spazi. Ma se guardiamo i centri urbani, dove si verificano di solito i contagi, vediamo che la densità di popolazione è la stessa che in altri paesi occidentali. Per esempio, secondo Wikipedia, Houston ha una densità di popolazione di 1.399 abitanti per km quadro. Roma ha una densità di popolazione di 1.378 abitanti per km quadro.

    Alla fine dei conti. Probabilmente, quello che stiamo vedendo è la combinazione di vari fattori: un effetto stagionale, il graduale raggiungimento dell’immunità nella popolazione, e anche i vaccini. Non è detto che le varie “misure” di contenimento non abbiano un ruolo anche quelle, ma probabilmente non è un ruolo decisivo.
    UGO BARDI
    1534 Vis. 2 Vis. oggi