Radio Cora - IRAN: COMITATO NO MUOS-NO SIGONELLA, CI SARA’ MOBILITAZIONE DAVANTI BASE USA

articoli

  • IRAN: COMITATO NO MUOS-NO SIGONELLA, CI SARA’ MOBILITAZIONE DAVANTI BASE USA

    “Proprio stasera avremo una riunione per mettere in cantiere ed organizzare varie iniziative tra cui anche un incontro con Antonio Mazzeo, fra maggiori esperti di basi militari. Stiamo ragionando per costruire un percorso che porti ad un importante presidio a Sigonella nelle prossime settimane. In calendario c’è una mobilitazione”.

    Lo afferma all’Adnkronos il portavoce del comitato No Muos-No Sigonella, Alfonso Di Stefano. “Personalmente – aggiunge-faccio parte della campagna per la smilitarizzazione di Sigonella con la manifestazione del marzo 2003 con 15 mila persone per il secondo attacco di guerra degli Stati Uniti in Iraq. E’ assolutamente importante ricostruire quel tessuto di mobilitazione sociale – ha concluso Di Stefano- che porti a fermare la guerra e il terrorismo di Stato di Trump.

    “Di fronte a un’azione unilaterale degli americani, Borrell ha fatto la cosa giusta. A nome di tutta la Ue, ha invitato il ministro degli esteri iraniano a Bruxelles per discutere la situazione e rilanciare il dialogo. Primo compito dell’Europa e’ convincere le parti a evitare una escalation. Conoscendo un po’ l’Iran credo che ci sia ancora volonta’ di salvare l’accordo, che ricordo e’ stato un grande successo di Federica Mogherini”. Lo afferma in un’intervista al Corriere della Sera il vicepresidente della Commissione Europea, Frans Timmermans.

    “Non dobbiamo mai dimenticarci che la Ue nasce come progetto storico di pacificazione. Promuovere la pace e la cooperazione non solo in Europa e’ nel nostro Dna. Se abdichiamo a questo ruolo temo che nessun altro lo svolgera’ nel mondo”, aggiunge. “Abbiamo fatto un lavoro costruttivo e gli iraniani lo hanno riconosciuto – sottolinea Timmermans -. Ma dobbiamo anche prendere atto che i problemi con l’Iran esistono: le ambizioni regionali di Teheran, il sostegno a organizzazioni estremiste, il ruolo in Siria, il programma missilistico. Io penso che Borrell abbia preso la posizione giusta”.

    1445 Vis. 4 Vis. oggi