Radio Cora - Contro il razzismo solo l’intransigenza potrà salvarci sall’orrore

articoli

  • Contro il razzismo solo l’intransigenza potrà salvarci sall’orrore

    Per capire l’orrore bisogna guardarlo negli occhi. Sapere come funziona insegna a riconoscerlo. Il sistema concentrazionale programmato e realizzato scientificamente dal Terzo Reich, era strutturato come una macchina perfetta: all’arrivo nei campi, gli internati venivano via via spogliati di tutto quello che apparteneva loro.

    A ondate successive, in un progressivo dilavamento dell’ identità individuale: le suppellettili, i monili, i vestiti, i capelli: tutto veniva loro tolto in cambio di un numero identificativo. Il processo di deumanizzazione avveniva in maniera meccanica, in fasi successive, senza scossoni. Una pratica standardizzata attraverso rituali codificati e perfezionati nel tempo. Nei Campi di concentramento entravano delle persone, degli uomini e delle donne, e venivano trasformati in esseri privi di identità. Lo sterminio fu il passo successivo. La ‘cosa’ in cui era stato trasformato l’individuo attraverso lo spogliamento progressivo dei suoi attributi materiali e morali poteva a quel punto ben essere soppresso in quanto ‘non umano’. Non appartenente al consesso civile. Come uno scarafaggio qualsiasi. Anzi peggio. Dopo averlo spremuto quale bestia da soma. Ma lo sterminio senza la disumanizzazione non sarebbe comprensibile. E’ per questo che bisogna stare attenti ai segni: quando si comincia a dividere tra chi è degno e chi no, quando si pensa a classi ‘etniche’, quando si ragiona impunemente di ‘noi’ e ‘loro’, quando cioé si intacca la sostanza della pari dignità degli esseri umani, anche di un solo gradino, stiamo già precipitando nell’orrore, senza nemmeno accorgercene. Gli esseri umani non sono tutti buoni, o belli, o perfetti, ma hanno tutti gli stessi diritti inviolabili. Quando cominciamo a toccarne uno, la crepa è aperta e il baratro non può che allargarsi. Solo che quando, finalmente, scorgeremo l’inferno in fondo al percorso, sarà già troppo tardi. Solo l’intransigenza potrà salvarci.

    DG

    1822 Vis. 1 Vis. oggi