Radio Cora - Confine Orientale: reportage dal Quartiere Giuliano Dalmata di Roma

articoli

  • Confine Orientale: reportage dal Quartiere Giuliano Dalmata di Roma

    Prosegue il progetto di formazione regionale “Per la storia di un confine difficile. L’alto Adriatico nel Novecento”.  Reportage a cura di Chiara Brilli dalla Giornata di studio al Quartiere Giuliano Dalmata di Roma del 2 ottobre 2019.

    La giornata è stata condotta dalla presidente dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia di Roma prof.ssa Donatella Schurzel e dal  dott. Marino Micich direttore Archivio Museo storico di Fiume che è stato visitato dai docenti la mattina durante la visita al nucleo storico del Quartiere Giuliano Dalmata insieme anche alla prof.ssa Maria Ballarin incaricata dall’ Associazione per la cultura fiumana, istriana e dalmata nel Lazio e ANVGD di Roma.
    Nel corso della mattinata sono stati approfonditi alcuni aspetti storici, culturali e sociali del Quartiere Giuliano Dalmata presso la Sala della Biblioteca San Marco con il saluto della Vice Presidente della regione Toscana prof.ssa Monica Barni, del Presidente di Federesuli dr. Antonio Ballarin e  della prof.ssa Luciana Rocchi.

     

    Nell’ambito dell’iniziativa sono state lette alcune poesie in dialetto da parte di Gianclaudio de Angelini esule da Rovigno e vice presidente dell’Associazione per la cultura fiumana, istriana e dalmata nel Lazio e proiettati filmati e fotografie storiche “Come eravamo” a cura del prof. Giorgio Marsan vice presidente dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia.

     

     

    La Giornata romana è stata preceduta da quattro intesi giorni di formazione e discussione su passato e presente di confini e frontiere l’agosto scorso a Rispescia,  nel corso della seconda edizione della summer school Per la storia di un confine difficile. L’alto Adriatico nel Novecento”. Regione Toscana e ISGREC, in accordo con MIUR e rete toscana di istituti storici della Resistenza e dell’età contemporanea, hanno riunito esperti della storia del “confine difficile”, per offrire a 30 insegnanti di scuole superiori della regione un’occasione di studio e confronto. Gli insegnanti sono stati selezionati tramite un bando della Regione Toscana e dell’Ufficio scolastico regionale della Toscana, di cui tutti gli istituti superiori della Toscana erano stati informati.

    Si è discusso del lungo esodo istriano-giulianodalmata, di foibe, delle violenze (1943-45) nella zona di occupazione tedesca del Litorale Adriatico, delle Resistenze italiana e slava, fino a ventennio fascista e, ancora indietro, ai disastri della Grande Guerra. Al percorso di formazione farà seguito il prossimo febbraio il viaggio, con 50 studenti, nei luoghi della memoria, fra Venezia Giulia e Istria croata.

     

     

    Ascolta il reportage a cura di Chiara Brilli per Radio Cora

     

    Vi segnaliamo anche il documentario  La conoscenza scaccia la paura. Storie dall’Alto Adriatico, il confine più difficile del Novecento.

    719 Vis. 8 Vis. oggi