Radio Cora - Dl sicurezza: associazioni Firenze, non si chiudano Sprar

articoli

  • Dl sicurezza: associazioni Firenze, non si chiudano Sprar

    Un appello ai sindaci e alle amministrazioni locali per difendere e tutelare l’accoglienza dei migranti. A firmarlo numerose tra associazioni, cooperative, enti, sindacati e realtà del territorio fiorentino che si occupano di migranti e non solo, dalla Cgil alla Rete Antirazzista, passando per l’Arci e l’Anpi.

    “Nei giorni scorsi è stato approvato il Decreto legge sicurezza e immigrazione – si legge nell’appello – che il ministro dell’Interno ha prima brandito come arma contro tutti i mali del Paese, e infine scagliato contro le nostre comunità
    come una mannaia, rischiando di frantumarle. Sarebbe ipocrita negare che l’Italia di oggi non stia piombando in un clima d’intolleranza e di razzismo, di violenza e, quindi, d’instabilità e insicurezza”. Per i firmatari, “contrariamente a
    quanto indicato dal Governo riteniamo necessario sostenere e dare continuità alle esperienze dei centri Sprar. Chiediamo alle Amministrazioni locali che il sistema dell’accoglienza diffusa venga difeso e rafforzato, nel rispetto di chi vi lavora e di chi viene ospitato”. Inoltre “è necessario prima di tutto che la prefettura di Firenze ritiri le tre circolari entrate in vigore dal primo novembre, che non sono semplici provvedimenti amministrativi bensì segnali di criminalizzazione dei rifugiati e dei richiedenti asilo”, “e chiediamo che i sindaci tutti si attivino creando le condizioni di una collaborazione per impedire che l’accoglienza verso i richiedenti asilo si trasformi in una emergenza sociale e di sicurezza”.

    1216 Vis. 1 Vis. oggi