Radio Cora - ENI, VAL D’AGRI: ESPOSTO LEGAMBIENTE A PROCURA PER SVERSAMENTI

articoli

  • ENI, VAL D’AGRI: ESPOSTO LEGAMBIENTE A PROCURA PER SVERSAMENTI

    Legambiente ha presentato un esposto alla procura di Potenza alla luce delle recenti dichiarazioni di Eni sugli sversamenti di petrolio nel centro oli di Viggiano.

    “La perdita di 400 tonnellate di greggio da un serbatoio del centro oli di Viggiano, dichiarata da Eni, rappresenta un fatto gravissimo – commenta il direttore generale di Legambiente Stefano Ciafani – che viene dopo l’indagine giudiziaria con arresti per le attività organizzate per il traffico illecito dei rifiuti del marzo 2016 e che dimostra come tutte le dichiarazioni rassicuranti da parte di Eni in questi anni fossero parole al vento. È ora di intervenire con forza per fermare una situazione non più tollerabile in Val d’Agri: chiediamo alla magistratura e alle forze di polizia di utilizzare i nuovi delitti di inquinamento, disastro ambientale e omessa bonifica inseriti nel codice penale grazie alla legge sugli ecoreati”.

    “L’introduzione dei delitti ambientali nel codice penale è stata una grande conquista per l’Italia, oggi leader nella lotta agli ecoreati, ed è il primo anello di una catena più lunga, che va costruita con l”obiettivo di innalzare i controlli ambientali per tutelare l’ambiente, la salute e le imprese sane” aggiunge Valeria Tampone, direttrice generale di Legambiente Basilicata.

    371 Vis. 1 Vis. oggi