Radio Cora - POLONIA: INSEGNANTI IN SCIOPERO CONTRO RIFORMA DEL GOVERNO

articoli

  • POLONIA: INSEGNANTI IN SCIOPERO CONTRO RIFORMA DEL GOVERNO

    Il 40% delle scuole sono rimaste chiuse oggi in tutta la Polonia per uno sciopero degli insegnanti, che protestano contro la riforma dell’istruzione dal governo populista della premier Beata Szydlo, che comporta la soppressione della scuola media e il licenziamento di migliaia di professori.

    “Mentre gli insegnanti polacchi sono in sciopero dalle 7.30 alle 15.30, per la prima volta da 10 anni, e rivendicano anche l’aumenti dei loro salari, particolarmente bassi, il ministro per l’Istruzione, Anna Zalewska, invece di essere a Varsavia è a Edimburgo, in Gran Bretagna, per presentare a un summit internazionale sul mestiere di insegnante ”il successo della riforma scolastica” polacca”, ha denunciato Michal Broniarz, presidente del sindacato degli insegnanti Znp che ha organizzato lo sciopero.

    Per Ryszard Petru, leader del partito Moderna (Nowoczesna), all’opposizione, lo sciopero odierno “è il grido di disperazione” contro il piano del governo, che rende la formazione degli giovani polacchi ”più ideologica”, ovvero legata alle idee del partito ultraconservatore e nazionalista al governo, Diritto e Giustizia (Pis), guidato da Jaroslaw Kaczynski. In base alla riforma, che entrerà in vigore il 1 settembre, i giovani polacchi dovranno frequentare la scuola elementare per otto anni e poi il liceo o la scuola tecnica per quattro anni fino all’esame di maturità.

    1143 Vis. 1 Vis. oggi