Radio Cora - ABUSI EDILIZI SU TORRENTI VAL D’ELSA, 50 DENUNCE

articoli

  • ABUSI EDILIZI SU TORRENTI VAL D’ELSA, 50 DENUNCE

    torrenteTettoie e manufatti abusivi, per oltre 2.000 metri quadrati, sono stati sequestrati
    lungo i torrenti Drove di Cinciano e Bozzone nel comune di Barberino Val d’Elsa (Firenze) dalla forestale di Tavarnelle che ha provveduto a denunciare una cinquantina tra persone fisiche e persone giuridiche. Le opere, si spiega, erano in un’area “sensibile già vulnerata da fenomeni di esondazioni e soggetta a
    rischio idraulico”.
    Gli accertamenti sono scattati in seguito all’esposto di un privato su presunte violazioni del vincolo idraulico compiute da ignoti lungo i due torrenti. I controlli, effettuati in collaborazione con l’ufficio difesa del suolo della Provincia di Firenze, hanno poi portato alla
    scoperta di manufatti e strutture nella fascia dei 10 metri del vincolo idraulico, di rispetto delle acque pubbliche, dei loro
    alvei, sponde e difese, area in cui le costruzioni sono vietate. Sono così scattati i sigilli delle opere. Sequestrati anche
    ingenti quantitativi di rifiuti depositati sempre nella stessa fascia da due gestori di attività artigianali.
    Le denunce sono scattate per la violazione di norme sull’edilizia, l’ambiente, di attuazione del piano di bacino del fiume Arno e del regolamento urbanistico di Barberino.
    Il Comune di Barberino, si spiega ancora, ha già provveduto ad informare le parti interessate dell’avvio del procedimento, per l’emissione di ordinanze di demolizione dei manufatti confinanti con l’alveo.

    3280 Vis. 1 Vis. oggi