Radio Cora - Il mondo dei bambini- introduzione all’ascolto

articoli

  • Il mondo dei bambini- introduzione all’ascolto

     

     E’ abitato solo da bambini e bambine dove vivono prima di essere chiamati nella realtà, dai genitori.


    E’ abitato solo da bambini e bambine dove vivono prima di essere chiamati nella realtà, dai genitori.

    IL MONDO DEI BAMBINI Testi ed illustrazioni a cura di Milena Prestia

    Vorrei raccontarvi,  con piccole storie e qualche disegno, ciò che ho visto seguendo il mio piccolo Martin, in alcuni suoi viaggi strani e meravigliosi in un mondo non lontano da questo. Nei momenti in cui si assopiva, fra una poppata e l’altra, vedevo fare tante dolcissime espressioni con improvvisi sorrisi, piccole parole senza voce e tanti movimenti degli occhi semichiusi. Il tutto, chiaramente, mi affascinava e incuriosiva. Quindi iniziai a studiarlo con attenzione provando a capire cosa stesse succedendo. Era come se parlasse e scherzasse con qualcuno che io non potevo vedere. Come se entrasse in contatto con un altro mondo e chiacchierasse piacevolmente con chi lo abitava. Per sapere dove andasse e con chi fosse, provai a concentrarmi sul suo viso tagliando completamente fuori tutto il resto. Bene, è così che, seguendo nei suoi sogni il mio piccino, ho scoperto quel mondo fantastico che è proprio qui vicino al nostro, da dove veniamo tutti prima di nascere. E’ abitato solo da bambini e bambine dove vivono prima di essere chiamati nella realtà, dai genitori. Dato che fra loro la differenza fra maschi e femmine è solo fisica e non è ancora stata costruita nelle responsabilità, nei compiti e nei comportamenti, dalle idee e dagli schemi inquinanti dei grandi, e si sentono in modo naturale tutti uguali, per comodità,li chiamerò genericamente “bimbi”. Il mio, che era arrivato qui da pochissimo, si ricordava ancora di loro, e nei momenti del sonno tornava lì a salutarli, per raccontarsi un po’ di cose tra di loro. Sapete qual è quella che mi ha colpito ed entusiasmato di più? Vedere come era organizzata la loro convivenza. In modo stupendo. Ognuno aveva una sua strana casina, ed un suo compito, scelti in base alla personalità ed al modo di essere. Ma anche conservando il rispetto dell’indole di ogni singolo, la vita si svolgeva all’insegna della collaborazione. Io spero che anche dopo essere stati chiamati quaggiù fra gli adulti, anche se avranno dimenticato quel magico posto, si porteranno dentro ciò che hanno imparato e lo useranno per sempre. Chissà se così i nuovi uomini e le nuove donne riusciranno a trasformare questo mondo pieno di calcolo, di paura di amare, di sfruttamento e di egoismo e a farlo diventare di collaborazione, spontaneità e di dolce fusione con la natura. Un mondo di adulti dai sentimenti di bimbi, invece di questo dove chi si ostina ad amare e a darsi in modo pulito, viene visto come uno stupido da sbranare o un furbetto di cui sospettare. Leggete queste storielle prima voi “grandi” e dopo, con il pretesto di farle ascoltare ai vostri piccoli,mentre le spiegate a loro, approfittate dell’occasione per intravedere qualche messaggio utile anche a voi e parlatene. Parlatene, affinché le storie d’amore o di amicizia non si trasformino mai più in guerre. Parlatene, affinché possiamo stare meglio in questo pianeta, senza per forza dover imparare cattiveria e cinismo per difenderci e sopravvivere.     Milena Prestia

    5345 Vis. 2 Vis. oggi