Radio Cora - CONFINI DIFFICILI: camminare a Sarajevo per non dimenticare

articoli

  • CONFINI DIFFICILI: camminare a Sarajevo per non dimenticare

    Sarajevo_Siege_Part_IIIIl progetto Confini difficiliStoria e memorie del ‘900Da Trieste a Sarajevo nasce dall’incontro tra l’Istituto Storico della Resistenza in Toscana e l’ass. Culturale pAssaggi di Storia con lo scopo di proporre un percorso didattico per gli insegnanti delle scuole superiori del territorio fiorentino e toscano sulla storia e le memorie di alcuni “confini difficili” del secolo scorso per una cultura di pace e di dialogo. Il progetto intende proporre agli insegnanti un ciclo di lezioni, un viaggio e il coinvolgimento delle proprie classi come riflessione e approfondimento della storia del territorio che va da Trieste a Sarajevo, con particolare accento sulla questione delle memorie diverseRadio Cora seguirà il viaggio del progetto Confini Difficili con un appuntamento quotidiano in cui ripercorrere le tappe e le memorie del viaggio.Rosa-di-Sarajevo1

    Il terzo appuntamento con il viaggio Confini Difficili ci porta a Sarajevo, una città di estrema suggestione per l’importanza storica che ha avuto nel corso del ‘900. Dall‘attentato del 1914 a Francesco Ferdinando che diede il via alla prima guerrra mondiale, fino alla guerra jugoslava del 1991-1995.

    Camminando per la città si possono notare ancora le famose “rose di Sarajevo”, dei luoghi di ricordo caratterizzati da macchie rosse sull’asfalto che riempiono le buche createsi dallo scoppio delle granate.

    Ascolta l’intervista:

     

    1407 Vis. 1 Vis. oggi