Radio Cora - News

articoli

  • Srebrenica. Uno sguardo dall’Italia che si riscopre razzista12/07/18 9:43 am

    L’11 luglio 1995, a Srebrenica (Bosnia Erzegovina) la popolazione musulmana scendeva verso il compound dell’Onu in cerca di protezione, perché le truppe serbe agli ordini di Mladic stavano occupando la città. Il contingente olandese dei caschi blu che doveva proteggere la popolazione non attivò alcuna protezione e dopo aver fatto entrare nella sala principale migliaia […]

  •  
    LA STRADA DEL RICONOSCIMENTO: RAPPRESENTAZIONI SOCIALI E MODELLI FORMATIVI12/07/18 7:37 am

    Nella splendida cornice del Castello di Villa Smilea, che sorge all’imbocco della valle dell’Agna lungo il tracciato romano della via Cassia Clodia, e il cui nome deriva da“sex milea” cioè sei miglia, di distanza della Villa da Pistoia, si è tenuto fra il 6 e l’8 giugno un meeting transnazionale intitolato SPRYNG, acronimo che sta per […]

  •  
    Buone pratiche didattiche e formative in chiave comparata: Italia e Germania29/06/18 12:08 pm

    Confrontarsi con gli altri, discutere, aprirsi a nuovi stimoli e a nostra volta darne agli altri è sicuramente una buona partica in ogni aspetto della vita. In ambito lavorativo, ed ancor di più educativo, diventa proficuo se non indispensabile. Proprio lo scambio e il confronto fra buone pratiche didattiche e formative è stato uno dei […]

  •  
    Avramopoulos, ”no a una Guantanamo bay per i migranti”21/06/18 2:55 pm

    “Sono contrario a una Guantanamo bay per i migranti. Questo è contrario ai nostri valori, ed è fuori discussione. La nostra proposta” sugli schemi regionali di sbarco per i migranti salvati in mare nei Paesi terzi “non ha niente a che fare con questo. Diritti umani e convenzione di Ginevra sono la guida” della nostra […]

  •  
    I Censimenti degli “zingari”. 1905 – 201820/06/18 9:04 am

    Il governo Conte (o come più pare evidente il governo Salvini) ripropone in questi giorni l’antico adagio del censimento dei rom e dei sinti; secondo il ministro dell’interno nessuno ha più fatto niente dopo Maroni (le cui azioni di censimento sono state dichiarate improprie ed incostituzionali). Molti invece avevano fatto in Europa prima di lui […]